Il sistema di navigazione Galileo

Il centro nevralgico a terra del sistema Galileo è formalmente entrato in servizio oggi. Situato al Fucino, in Abruzzo, presiederà a tutti i servizi di navigazione forniti dal sistema satellitare globale europeo. Insieme a quello di Oberpfaffenhofen vicino a Monaco, in Germania, sarà uno dei due Centri di Controllo di Galileo (GCCs) preposti al controllo dei satelliti della costellazione Galileo nello spazio e alla gestione dei servizi di navigazione che tali satelliti forniranno.

Galileo sarà presto una realtà – il lancio dei primi due satelliti di validazione in orbita (Galileo In Orbit Validation satellites) è previsto per il 2011 – e per questo si sta formando una rete di stazioni di terra a livello mondiale, il cui compito sarà controllare la qualità del segnale di Galileo, seguire le tracce dei satelliti e inviare comandi.

Il cuore di questa grande rete sono i due centri gemelli di controllo (GCCs) e benché si siano divisi le responsabilità essi sono stati progettati per essere completamente ridondanti, ossia l’uno può prendere il posto dell’altro in caso di necessità visto che Galileo dovrà operare continuamente, 24 ore su 24 e 7 giorni su 7.
Mentre il Centro di Controllo di Galileo di Oberpfaffenhofen ha l’incarico di controllare i satelliti nello spazio, il Fucino ha ufficialmente la responsabilità per tutti i servizi di navigazione forniti dal sistema Galileo. Il centro genererà, trasmetterà e distribuirà il segnale di navigazione, assicurandone l’integrità, la qualità e la precisione. Inoltre, manterrà gli orologi a bordo dei singoli satelliti della costellazione Galileo sincronizzati con il sistema Galileo generale.