Satelliti di seconda generazione

L’ESA avvia la prossima generazione di satelliti del futuro. La serie, chiamata MetOp, vede il suo primo gioellino in orbita polare, seguiranno altre due missioni nel 2012 e nel 2016.

Questi satelliti garantiranno un flusso continuo di dati satellitari accurati e tempestivi, oltre ad un maggior accurato sistema per le previsioni del tempo e del cambiamento climatico. 

I primi tre satelliti MetOp sono specializzati soprattutto per le previsioni meteorologiche a medio e lungo termine e consentiranno il monitoraggio climatico almeno fino all’anno  2020.