Strani ammassi stellari

PGC 6240

di Aldo Gagliano

Una bellissima fotografia del NASA/ESA Hubble Space Telescope della galassia PGC 6240.

Questa immagine è di grande interesse per gli astronomi sia per la sua struttura irregolare, che per i grappoli insoliti di stelle che orbitano attorno ad esso; forti indizi di una fusione galattica nel recente passato.

Gli astronomi hanno studiato PGC 6240 nel dettaglio a causa di questa struttura, e anche a causa dei suoi ammassi globulari che circondano – densi –  gruppi molto compatti di stelle legate gravitazionalmente che orbitano nella galassia. Oltre 150 di questi ammassi orbitano la nostra galassia, la Via Lattea, il tutto composto da vecchie stelle.

Tutti gli ammassi globulari in giro denotano una certa forma alla galassia, e probabilmente hanno tutti la stessa età. Gli fanno eco all’interno dei cluster (gruppi di stelle) tutte le stelle all’interno di ogni singola forma. A causa di ciò, la maggior parte delle galassie hanno una popolazione di cluster di età simili, sia in termini di gruppo complessivo, sia in termini di singole stelle. Tuttavia, PGC 6240 è insolito in quanto i suoi grappoli sono molteplici: alcuni contengono vecchie stelle, come previsto, altri contengono stelle giovani formatesi più recentemente.

Il cielo di sfondo di PGC 6240

La spiegazione più probabile è che PGC 6240 si è fusa con un’altra galassia a un certo punto nel recente passato. Tale fusione avrebbe creato increspature attraverso la galassia in modo tale da distruggere la sua struttura, formando i gusci concentrici di materiale visibili nella foto. Questo innesca una forte formazione stellare nella galassia, che a sua volta darebbe avvio ad attività simili nello spazio vicino. Quindi creazione di nuovi e  più giovani ammassi globulari intorno PGC 6240.

PGC 6240 è una galassia ellittica nella costellazione meridionale di Hydrus (Il serpente d’acqua). Visibile in questa regione inoltre vi sono numerose galassie di sfondo, dietro lo sfondo di PGC 6240. Anche se questi oggetti cosmici sono lontanissimi da noi, è possibile scorgere la struttura di molte galassie, in particolare le piccole spirali che spiccano colorate contro il cielo scuro.

fonte: http://www.spacetelescope.org